Home Sicurezza sul lavoro
Sicurezza sul lavoro
La riapertura dei servizi deve avvenire in piena sicurezza PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 01 Maggio 2020 11:43

Gentili colleghe, cari colleghi,

nelle settimane successive al 4 maggio riapriranno - speriamo senza fughe in avanti ma con la gradualità e la prudenza richieste dalla gravità della pandemia in corso -  parte dei servizi e degli uffici comunali.

Vi invitiamo a vigilare affinché vengano rispettate almeno alcune elementari precauzioni:

  1. Sanificazioni periodiche e igienizzazioni quotidiane.
  2. Ristrutturazione degli spazi in modo da garantire il distanziamento tra i colleghi e tra i colleghi e gli utenti.
  3. Distribuzione regolare dei dispositivi di protezione individuale (mascherine, guanti, gel disinfettante) nella quantità e nella qualità necessarie.
  4. Verifica degli impianti di condizionamento per evitare che diventino veicoli del contagio.

Nel caso queste precauzioni non vengano rispettate, non esitate a contattarci ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.   ), a rivolgervi ai Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (RLS) della vostra area, oppure a contattare direttamente il dipartimento prevenzione dell'ATS ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ).

Ricordate infine che è vostro diritto rifiutarvi di lavorare in condizioni che possano mettere a rischio la vostra salute.

Slai Cobas - Sial Cobas

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 01 Maggio 2020 11:56
 
Incidente mortale di Arezzo: a proposito degli impianti di spegnimento a gas inerti PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 25 Settembre 2018 11:16

Attenzione!

Questo annuncio è dedicato ai lavoratori che hanno ruoli di manutentori, addetti al servizio antincendio e di gestione delle emergenze e agli addetti alla sorveglianza.

In caso di attivazione di spegnimento automatico tramite gas inerti (anidride carbonica, argon, ecc.) non entrate mai nei locali interessati, causa rischio di asfissia e morte!

Chiamate sempre i vigili del fuoco informandoli della situazione!

In casi di uso massiccio di estintori ad anidride carbonica in locali con scarsa ventilazione, allontanatevi immediatamente e avvertite i vigili del fuoco!

Tutti gli altri lavoratori che non siano manutentori, addetti al servizi antincendio e di gestione delle emergenze o addetti alla sorveglianza, in caso di attivazione di allarme incendio non possono entrare in nessuno dei locali tecnici, nè usare estintori, ma devono evacuare immediatamente i luoghi di lavoro, raggiungere il punto di raccolta e attendere istruzioni.

Queste sono semplici procedure che possono evitare incidenti mortali come quello di Arezzo.

Se il vostro datore di lavoro non vi ha informato, formato e addestrato in merito le potete seguire, visto che la legge lo prevede.

 

A seguire un approfondimento tecnico più dettagliato sull’argomento.

Come al solito, quando si tratta di infortuni mortali “spettacolari” e “multipli”, i media hanno dedicato ampio spazio all’ennesima tragedia sul lavoro avvenuta il 21/09/18 agli Archivi di Stato di Arezzo, sparando, tra l’altro un sacco di cazzate da un punto di vista tecnico.

Mancando notizie affidabili in merito all’accaduto e all’impianto di spegnimento a gas inerte causa ultima dell’infortunio, non posso dare un giudizio attendibile sulle responsabilità di quanto accaduto.

Mi preme piuttosto spiegare come deve essere fatto un impianto di spegnimento a gas inerte (di solito argon) e quali cautele (tecniche e procedurali) devono essere adottate per eliminare il rischio di infortunio.

Come mio solito, il post è lungo, ma vale la pena leggerlo tutto per capire.

Ultimo aggiornamento Martedì 25 Settembre 2018 11:32
Leggi tutto...
 
Tutela sanitaria dei lavoratori che sono esposti o che sono stati esposti all’amianto nell'edificio di via Pirelli 39 PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Domenica 22 Gennaio 2017 11:06

Conseguentemente al decesso per tumore di una lavoratrice del Comune di Milano, che operava presso lo stabile di via Pirelli 39 e nel quale si era rilevata la presenza di amianto, tanto da portare al trasferimento del personale in altre sedi e avviare una consistente opera di bonifica. In data 19 gennaio 2017 un gran numero di R.l.s. hanno richiesto l’avvio di un’iniziativa di tutela sanitaria a carico del datore di lavoro da effettuare tramite il “medico competente” aziendale coinvolgendo tutti i lavoratori che risultino avere una pregressa attività nell’edificio di via Pirelli 39, ivi compresi i lavoratori la cui attività lavorativa presso il Comune di Milano sia già cessata o dipendenti di aziende con appalti che abbiano operato presso lo stabile di via M. Gioia,

 

Scarica il testo della lettera inviata dagli R.l.s.

Ultimo aggiornamento Lunedì 23 Gennaio 2017 12:53
 
Salone "Multisportello" via Larga l'Asl accoglie le segnalazioni PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 20 Gennaio 2015 00:00

L’Asl ha fatto pervenire all’Amministrazione il resoconto del sopralluogo effettuato lo scorso 20 novembre 2014 a seguito delle segnalazioni degli R.l.s, delegati R.s.u. ed OO.SS.
L’ostinata determinazione dell’Amministrazione a non voler ascoltare le segnalazioni degli R.l.s e delle OO.SS., l’ottusa volontà di prevaricare e voler andare avanti comunque, pur nella consapevolezza di essere in torto, ha compattato il fronte sindacale che ha agito unitariamente portando al risultato odierno.
All’incontro con l’Asl una nutrita schiera di R.l.s. aveva spiegato le proprie ragioni.
Con il suo verbale l’Asl mette in discussione l’operato dell’Amministrazione:

  • Ridurre al minimo il numero di persone presenti nel salone;
  • Trasferire due sportelli della “Casa comunale” per cartelle Equitalia c/o la sede di L.go De Benedetti, 1;
  • Avviare lo studio per il posizionamento nell’atrio di un totem informatico self service per il rilascio del
    tickets;
  • Avviare le procedure per il trasferimento del banco informazioni dal salone alla saletta laterale secondo atrio dei medesimi ingressi di Via Larga, 12;
  • Posizionamento di pannelli fonoassorbenti;
Ultimo aggiornamento Mercoledì 21 Gennaio 2015 14:07
Leggi tutto...
 
Via Larga, esposto per i lavori di riammodernamento del salone PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 08 Settembre 2014 07:18

I recenti lavori di riammodernamento del salone di via larga 12, avevano suscitato le perplessità degli R.l.s. e delle organizzazioni sindacali, che avevano riscontrato problematiche inerenti la sicurezza sul lavoro.

Nonostante le ripetute segnalazioni inviate all'amministrazione e gli incontri/sopralluoghi effettuati non vi sono state sostanziali modifiche.

Per questo motivo è stata inoltrato un'esposto unitario (Cgil, Cisl, Uil, Csa, Usb, Slai Cobas, R.s.u., R.l.s.) alle autorità competenti.

 

leggi l'esposto

Ultimo aggiornamento Lunedì 08 Settembre 2014 07:43
 


Copyright © 2020 www.comunemilanoprendiamolaparola.org. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
 

Chi è online

 14 visitatori online

Collettivo Prendiamo la Parola

Crea il tuo badge

Il Collettivo Prendiamo la Parola
aderisce a:

Pubblico Impiego in Movimento