Home

Articoli correlati

Smart working: perché l’amministrazione si sottrae al confronto? PDF Stampa
Scritto da Administrator   
Martedì 15 Settembre 2020 15:51

Nonostante numerose richieste e sollecitazioni da parte delle organizzazioni sindacali e della RSU, l’Amministrazione comunale non ha finora accettato il confronto sullo smart working.

Come mai? Probabilmente perché con lo smart working, così come è oggi organizzato, l'azienda, nel nostro caso il Comune di Milano, risparmia e noi lavoratrici e lavoratori perdiamo.

Infatti:

  • non percepiamo le indennità di turno, disagio, reperibilità e i buoni pasto, che rappresentano voci significative nelle nostre magre buste paga;
  • non possiamo utilizzare i permessi;
  • dobbiamo usare i nostri  strumenti di lavoro (computer, telefono, connessione);
  • perdiamo la socialità - l'incontro e il confronto con i colleghi e con gli utenti - che è un aspetto fondamentale del lavoro;
  • non possiamo partecipare attivamente alla vita sindacale.

Dobbiamo inoltre considerare altri due importanti fattori:

  • con lo smart working diventa spesso difficile delimitare il tempo di lavoro dal proprio tempo libero e personale, e il lavoro tende a "colonizzare" tutta la giornata;
  • non tutti hanno le medesime condizioni abitative e famigliari: lo smart working in condizioni di sovraffollamento e di scarsità di strumentazione elettronica è sicuramente più stressante del lavoro in sede.

È dunque necessario ed urgente ricontrattare con l'amministrazione comunale regole, organizzazione e salario relativi allo smart working, che è uno strumento da non esaltare né demonizzare ma da utilizzare con intelligenza, su base volontaria e nell’interesse delle lavoratrici e dei lavoratori.

In particolare chiediamo:

  1. che anche nelle giornate di lavoro agile si percepiscano le indennità di turno, disagio, reperibilità  e i buoni pasto: il salario non può essere una variabile dipendente dalle decisioni organizzative dell'azienda;
  2. che anche chi è in smart working si possano utilizzare i permessi;
  3. che nel premio incentivante la produttività relativo al 2020 vi sia un incremento a titolo di riconoscimento delle perdite economiche subite dalle lavoratrici e dai lavoratori nei mesi del lockdown;
  4. che con le dovute cautele si possano convocare assemblee nei locali di proprietà comunale e in orario di lavoro.
f.i.p 07/09/2020

Sial Cobas - Slai Cobas

 

 

Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon
Ultimo aggiornamento Martedì 15 Settembre 2020 16:11
 
Copyright © 2021 www.comunemilanoprendiamolaparola.org. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
 

Chi è online

 8 visitatori online

Collettivo Prendiamo la Parola

Crea il tuo badge

Il Collettivo Prendiamo la Parola
aderisce a:

Pubblico Impiego in Movimento